Cerca
  • Francesco Pagano

Malta, un'isola patrimonio dell'umanità.

Aggiornamento: 16 mag 2021

Un puntino al centro del Mediterraneo, ma un fortino di tesori incredibili. Breve viaggio alla scoperta dei siti UNESCO presenti sull'isola.



Se avete deciso di frequentare un corso di inglese a Malta o state pensando di farlo, sappiate che a Malta di certo non vi annoierete. Non solo mare, sole, paesaggi e serate con amici, ma un'isola piena di storia, cultura e tradizioni, un museo a cielo aperto! Infatti, nonostante le sue piccolissime dimensioni, ospita orgogliosamente ben 3 siti UNESCO, parte appunto del Patrimonio Mondiale dell'Umanità (La Città di Valletta, I Templi megalitici e l'Ipogeo di Ħal Saflieni).



La Valletta, la città dei Cavalieri


La città di Valletta ospita al suo interno ben 320 monumenti in meno di 1 km quadrato, facendone una delle aree con la più alta concentrazione di monumenti al mondo.

La capitale di Malta è stata fondata nel 1566 dall'ordine dei “Cavalieri Ospitalieri”, ed è diventata patrimonio dell’umanità nel 1980 grazie ai tantissimi edifici di grande rilevanza storica. Tra i più importanti, è sicuramente la Concattedrale di S.Giovanni, impreziosita da opere di alto valore artistico (vi si trovano anche due dipinti del Caravaggio). Inoltre, è consigliabile fare una tappa al Palazzo del grande Maestro, costruzione del 1571 apprezzata per la famosa Stanza degli Arazzi; la Sacra Infermeria, un tempo ospedale dei Cavalieri di Malta, edificata nel 1574 e il Forte Sant’ Elmo, (1551), dove oggi vi risiedono l’accademia di Polizia e il National war Museum.


Naturalmente è solo un breve elenco, ma se desideri non perderti quasi nulla della capitale, puoi dare uno sguardo a questo itinerario di 3 giorni proposto dalla MTA, l'Ente del Turismo maltese.
Itinerario_VallettaCityBreak
.pdf
Download PDF • 8.29MB


I templi megalitici, la prestoria nel cuore del Mediterraneo


Un tesoro certamente da scoprire che rendono l'Isola di Malta unica sono i Templi megalitici di Ġgantija, Ħaġar Qim e Mnajdra, Tarxien, Skorba e Ta’ Ħaġrat.

Si tratta di templi assolutamente unici nel suo genere, in quanto testimonianza che le isole erano già abitate mille anni prima della costruzione delle famose piramidi egiziane di Giza. Variano fra di loro per stato di conservazione, metodi costruttivi impiegati ed epoca di costruzione e nonostante non siano rimaste molte tracce della civiltà che li ha costruiti, si è potuto ricostruire sia la loro funzione che i metodi di realizzazione.

La concentrazione di così tanti esempi di cultura megalitica, le forme particolari dei templi, non trovano eguali nel panorama mediterraneo.



Se vuoi approfondire la Malta Megalitica, i Templi e i suoi tesori millenari, ti consiglio questo opuscoletto!

Archeo_Malta-Megalitica (1)
.pdf
Download PDF • 91.86MB


I templi megalitici


L’ipogeo di Ħal Saflieni, risalente al periodo 3600-2500 a.C. è l’unico esempio di tempio primitivo costruito sottoterra. La sua costruzione è antichissima, si pensa che sia più vecchio di Stonehenge e delle Piramidi. La sua funzione effettiva non è mai stata chiarita, probabilmente veniva usato sia come santuario che per le sepolture dai costruttori del templio.

Il monumento è considerato uno dei monumenti preistorici di maggior valore al mondo.

E’ suddiviso in tre livelli: il primo a soli dieci metri sotto quello stradale, presenta ambienti che somigliano più a caverne ampliate poi manualmente, mentre il secondo mostra importanti stanze di diverse dimensioni e forme (Stanza principale, Stanza Dell’Oracolo, Stanza Decorata) e denota una eccellente abilità nella scultura della pietra; si pensa invece che il terzo e ultimo che contiene solo acqua, fosse usato al tempo come deposito.



 

Se desiderate maggiori info sui tesori millenari di Malta e su come scoprirli durante il vostro soggiorno linguistico, scrivetemi pure ad info@maltaforenglish.com o sui nostri contatti e social. Sarò a vostra completa disposizione!






10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti